Approfondimenti

AWS E BACKUP

La perdita o la violazione dei dati può portare a un’azienda di successo gravi danni a livello economico, legale e reputazionale.

Il backup dei dati è uno degli aspetti fondamentali dei processi di disaster recovery: consiste nel duplicare dati, file, cartelle per mettere tutto in sicurezza e avere una o più copie del proprio sistema da utilizzare come recupero, nel caso in cui dati e file “originali” vengano persi, siano danneggiati o vengano distrutti a causa di un incidente (virus, errore umano, ecc.).

Ad oggi risulta fondamentale pianificare una strategia di backup, oltre che sviluppare un piano di disaster recovery.

La pianificazione dovrebbe includere questi punti:

  • Selezione della tipologia di dati da preservare
  • Capacità di memoria
  • Regolamentazione GDPR
  • Budget per attuare questa strategia

 

Backup e imprese

La maggior parte delle aziende ha adottato strumenti e soluzioni innovative. Il mondo enterprise può contare su infrastrutture di fascia alta e sistemi di backup multilivello. Solitamente, aziende di queste dimensioni possono permettersi di allocare maggiore spazio all’occorrenza.

Per le Piccole e Medie imprese il discorso risulta diverso. Spesso queste realtà non hanno infrastrutture adeguate né risorse per progettare e implementare un’infrastruttura che permetta di garantire la continuità operativa.

Grazie all’infrastruttura globale e le alle percentuali di durabilità dei dati offerte, il cloud, e in particolare i servizi offerti da AWS, ci viene in aiuto per progettare una corretta strategia di backup, permettendo di utilizzare un’infrastruttura sicura e certificata: i clienti AWS possono costruire soluzioni su un’infrastruttura globale sicura, con la possibilità di crittografarli, spostarli e gestirne la retention. Ulteriore caratteristica di un sistema cloud è la possibilità di poter usufruire dei servizi senza investimenti iniziali e con un modello di pagamento a consumo.

 

Consoft Sistemi e i sistemi di backup AWS

La nostra azienda ha supportato diverse realtà nell’identificazione della modalità di backup più adatta. Ne è un esempio il caso studio qui riportato.

L’infrastruttura di uno dei nostri clienti si basava prevalentemente su un’architettura VMWare, On-premise, con diverse VM di cui fare il backup.

Insieme al nostro cliente abbiamo approfondito diverse soluzioni che hanno permesso di mettere in atto due diverse strategie di backup.

Entrambe le soluzioni sono state sviluppate attraverso il sistema di backup offerto da Veeam.

 

Soluzione 1: Backup su bucket S3

aws

 

Questa soluzione prevede l’utilizzo diretto dell’infrastruttura di AWS. Il sistema di backup copia i file direttamente sul bucket S3 di destinazione senza passaggi intermedi.

Su AWS sono state configurate le diverse opzioni per la gestione del ciclo di vita dei dati, permettendo così di ridurre fino al 50% il costo dello storage.

 

Soluzione 2: Backup attraverso AWS Storage Gateway

aws2

L’introduzione dello storage gateway di AWS all’interno dell’infrastruttura del cliente ha permesso di mettere in atto diverse politiche di gestione dei backup, aumentando anche il controllo sull’utilizzo della banda in uscita per la copia verso i data center di AWS.

Il componente AWS Storage Gateway, nella modalità scelta da noi, è una virtual machine sulla rete del cliente e viene visto dal software come un Virtual Tape Library.

Queste soluzioni hanno permesso al cliente di estendere facilmente e in modo economico la loro infrastruttura di backup, permettendo al team interno di sfruttare le competenze acquisite sull’infrastruttura selezionata, aggiungendo però un ulteriore livello di sicurezza alla gestione delle loro informazioni.

 

 

Image